BILINGUE e BICULTURALE? Uno studio sulla percezione della lingua e della cultura italiana in docenti di lingua italiana in Argentina

BILINGUE e BICULTURALE? Uno studio sulla percezione della lingua e della cultura italiana in docenti di lingua italiana in Argentina

Prezzo di listino
€19,50
Prezzo scontato
€19,50
Prezzo di listino
Esaurito
Prezzo unitario
per 
Imposte incluse.

Language: italian

Autrici: Irene Bracone,  Maria Antonietta Pinto

ISBN 978-88-97789-57-4 | Anno 2015

Questo libro si basa su un lavoro di ricerca che è stato oggetto di una tesi di dottorato in “Psicologia dell’Interazione, Comunicazione e Socializzazione”, discussa presso la Facoltà di Medicina e Psicologia dell’Università di Roma “SAPIENZA”. La ricerca si era proposta di studiare alcuni aspetti dell’insegnamento della lingua e della cultura italiana all’estero da un’angolazione psicologico-culturale, a differenza di ciò che è stato realizzato finora da linguisti e pedagogisti, mossi da un interesse glottodidattico. Si è scelto qui di focalizzare aspetti che sono invece eminentemente soggettivi, in quanto riguardano motivazioni e rappresentazioni che appartengono al docente, e non aspetti oggettivi della lingua e delle sue metodologie di insegnamento. Questa soggettività è stata studiata su due versanti: quello della autopercezione del docente in un contesto bilingue e biculturale, e quello della sua percezione della lingua e cultura italiana, verso la quale ha una speciale responsabilità nel contesto in cui opera. Il suo ruolo, infatti, non si esaurisce nel trasmettere elementi esclusivamente linguistici, letterari, storici e geografici del patrimonio culturale italiano, ma si estende anche alla trasmissione di valori che appartengono alla tradizione italiana, e nel fare percepire, più o meno abilmente, più o meno esplicitamente, la specificità italiana di questi valori in rapporto ad altre tradizioni. In questo senso egli costruisce nei suoi alunni rappresentazioni che hanno un carattere intrinsecamente comparativo rispetto a quelle che il contesto nativo propone. Questo tipo di docente si muove dunque in un mondo di rappresentazioni, sue e dei suoi interlocutori, che si dividono sempre il campo fra una lingua-cultura e un’altra. Attraverso la sua pratica quotidiana di insegnamento della lingua italiana fuori dal contesto di origine, egli contribuisce a forgiare aspetti importanti sia dell’identità italiana che di quella argentina. Identità, quindi, dialetticamente costruite, che vanno elaborandosi a un livello relativamente astratto, e precisamente a un meta-livello. In sintesi, la scelta di svolgere la ricerca sull’insegnante di italiano all’estero, nella fattispecie in Argentina, nasce dall’idea che questo tipo di docente - quando si trova a svolgere il proprio servizio fuori d’Italia - è chiamato ad un confronto continuo tra due binomi lingua-cultura. Questo confronto è tale da rimettere in gioco la rappresentazione di tutte le identità in questione, sia nella propria persona che nelle persone dei suoi alunni.

Maria Antonietta Pinto già docente della Facoltà di Medicina e Psicologia - Università di Roma “SAPIENZA”, fin dagli anni Ottanta, ha esplorato il campo della consapevolezza metalinguistica dal punto di vista teorico, evolutivo, metodologico, sociolinguistico, e più recentemente, anche clinico. Ha costruito cinque test di abilità metalinguistiche, che coprono l’arco evolutivo dall’età prescolare a tutta l’età adulta, validati su campioni italiani, tradotti in lingua inglese, spagnola e francese, e come tali utilizzati nella ricerca internazionale. Fra le pubblicazioni, oltre ai manuali dei test di abilità metalinguistiche, si evidenziano gli articoli internazionali basati su ricerche che mettono in relazione lo sviluppo metalinguistico con il bilinguismo, in Italia e fuori d’Italia, e l’apprendimento delle lingue straniere.

Irene Bracone è Dottore di ricerca in Psicologia dell’Interazione, Comunicazione e Socializzazione (Università di Roma “SAPIENZA”) ed ha condotto sul campo la ricerca oggetto del libro “Bilingue e Biculturale? Uno studio sulla percezione della lingua e della cultura italiana in docenti di lingua italiana in Argentina”. Nel periodo della ricerca, ha collaborato con associazioni presenti in Argentina per la programmazione di attività di promozione della lingua e cultura italiana e di formazione linguistica di adulti. Attualmente, opera come psicologa progettista di ricerche finanziate dall’Unione europea.