I tremendi Sacramenti del tuo Cristo. Una teologia a partire dalla Liturgia comparata d’Oriente e d’Occidente
I tremendi Sacramenti del tuo Cristo. Una teologia a partire dalla Liturgia comparata d’Oriente e d’Occidente
I tremendi Sacramenti del tuo Cristo. Una teologia a partire dalla Liturgia comparata d’Oriente e d’Occidente
I tremendi Sacramenti del tuo Cristo. Una teologia a partire dalla Liturgia comparata d’Oriente e d’Occidente
  • Load image into Gallery viewer, I tremendi Sacramenti del tuo Cristo. Una teologia a partire dalla Liturgia comparata d’Oriente e d’Occidente
  • Load image into Gallery viewer, I tremendi Sacramenti del tuo Cristo. Una teologia a partire dalla Liturgia comparata d’Oriente e d’Occidente
  • Load image into Gallery viewer, I tremendi Sacramenti del tuo Cristo. Una teologia a partire dalla Liturgia comparata d’Oriente e d’Occidente
  • Load image into Gallery viewer, I tremendi Sacramenti del tuo Cristo. Una teologia a partire dalla Liturgia comparata d’Oriente e d’Occidente

I tremendi Sacramenti del tuo Cristo. Una teologia a partire dalla Liturgia comparata d’Oriente e d’Occidente

Regular price
$27.58
Sale price
$27.58
Regular price
Sold out
Unit price
for 
Tax included. Shipping calculated at checkout.

Gianandrea Di Donna I tremendi Sacramenti del tuo Cristo. Una teologia a partire dalla Liturgia comparata d'Oriente e d'Occidente”. Valore Italiano Editore, 2023. ISBN 979-12-81584-01-3

E-book: clicca qui per ebook Kindle a Euro 9,90

Quando un bambino di otto giorni deve ricevere il proprio nome, la Chiesa di Costantinopoli prega Dio: abbi cura di questo figlio “perfezionato per mezzo dei tremendi Sacramenti del tuo Cristo”. E il Rito Romano, mentre celebra la dedicazione di una chiesa, riecheggia l’esclamazione di Giacobbe dopo il sogno della scala con gli angeli che scendono e salgono: “Terribilis est locus iste”. Fa venire i brividi lo spazio in cui il Signore si lascia incontrare, per quanto smisurata è la grazia di un contatto tra la terra e il cielo – questa terra, la cui verità è tremenda; quel cielo, la cui incontenibile perfezione è oltre il pensabile, eppure si fa carne, è il grembo e la salvezza di ogni carne. La creazione come la intende il cristianesimo è la follia di Dio di avvicinare sé a ciò che ha creato: è concepita senza muri di separazione, già pensando che il velo del tempio si sarebbe squarciato, che Tommaso avrebbe messo il dito dentro le piaghe del Risorto, che la Vergine Maria, giovinetta d’Israele, avrebbe portato nel grembo il Creatore. Confrontare i Riti dell’Iniziazione Cristiana di cinque tra le più rappresentative tradizioni liturgiche Orientali (Bizantina, Armena, Antiochena, Caldea, Alessandrina) e tre Occidentali (Ispano-mozarabica, Romano-tridentina e Romano-vaticano II) permette di riconoscere questo progetto dietro la profonda unità teologica che lega Battesimo, Cresima ed Eucaristia. La preghiera della Chiesa dice la spaventosa dolcezza di un Dio “onnipotente, onnivalente, terribile, buono, misericordioso”, proclama l’assoluta necessità del suo amore, e sarebbe fragile l’ambizione di scrivere una sacramentaria che partisse dalla dogmatica invece che dall’eucologia. Il λόγος su Dio è quello degli stupefatti prefazi in cui gli Angeli cantano con “teologie che mai non tacciono” l’infinita prossimità tra Creatore e creatura. La Pasqua dell’Agnello, che fa nuove tutte le cose, fa nuove anche tutte le parole.

Gianandrea Di Donna (1965) presbitero della Diocesi di Padova, è docente di Liturgia alla Facoltà Teologica del Triveneto e all’ISSR di Padova, alla Pontificia Università Gregoriana, al Pontificio Istituto Orientale e alla Pontificia Università della Santa Croce in Urbe, all’Istituto Laurentianum di Venezia. Responsabile della Commissione per la Liturgia della Conferenza Episcopale Triveneto, è delegato vescovile per il Catecumenato e direttore dell’Ufficio per la Liturgia della Diocesi di Padova. Ha pubblicato per Pontificio Istituto Orientale & Valore Italiano Editore, nel 2017, Canones Poenitentiales (Kanonika 24) e per Valore Italiano Editore, nel 2022, La Veglia Pasquale e gli After-Hours, e, nel 2023, E solleva alta la testa